È ora di dare un’altra occhiata al Primitivo?

È arrivato il momento di dare un’altra occhiata al Primitivo? La varietà di uva Primitivo della Puglia sta lasciando alle spalle le sue radici rustiche e sta producendo vini che sempre più impressionano critici e consumatori. È quanto riporta Tom Bruce-Gardyne. Vito Palumbo ha assistito all’evoluzione lenta dell’industria vinicola della Puglia, dal grappolo alla bottiglia, […]

Jul 10, 2024 - 08:00
 3

È arrivato il momento di dare un’altra occhiata al Primitivo?

La varietà di uva Primitivo della Puglia sta lasciando alle spalle le sue radici rustiche e sta producendo vini che sempre più impressionano critici e consumatori. È quanto riporta Tom Bruce-Gardyne.

Vito Palumbo ha assistito all’evoluzione lenta dell’industria vinicola della Puglia, dal grappolo alla bottiglia, da dentro. È cresciuto qui, nell’azienda di famiglia Bocca di Lupo, che è stata acquistata da Antinori nel 1998 nel suo primo progetto in Puglia, e oggi è CEO delle vigne dell’azienda nella regione, che includono Tormaresca.

“Eravamo la cantina d’Europa”, afferma Palumbo, descrivendo i giorni in cui la regione era un vasto fornitore di fluido per la miscelazione anonimo. Vini ricchi e potenti come il Primitivo venivano pompati a nord per rinforzare vini come l’Amarone e forse qualche famoso nome anche a Bordeaux e Borgogna. I tempi possono essere cambiati, ma sente che qualcosa di quell’antica mentalità rimane.

“Credo che il problema sia che alcuni produttori stanno ancora facendo ciò che facevano come produttori di vino sfuso”, afferma Palumbo. “Negli anni ’80 e ’90, il vino sfuso veniva pagato per residuo zuccherino e contenuto alcolico, ed è per questo che molti Primitivo erano zuccherini e rustici. Ma stiamo cercando di guidare un cambiamento di stile.”

Ristoratori illuminati e negozi di vini indipendenti sembrano essere aperti a questo.

“C’è speranza. Quando riusciamo a far provare il nostro vino alle persone, lo inseriscono nella lista”, fa notare, riferendosi a Torcicoda, il Primitivo del Salento di punta di Tormaresca.

“È lontano dallo stereotipo – c’è acidità, speziatura ed equilibrio. È un vino piuttosto di successo, e credo che il successo del Primitivo sia così grande, che anche se solo una nicchia è di alta qualità, quella nicchia è piuttosto rilevante.”

La penisola del Salento è il tacco a spillo d’Italia, con la Salento DOC sul lato adriatico dedicata al Negroamaro, che rappresenta l’80% dei 14.000 ettari piantati, mentre la vicina Manduria DOC, con 3.140 ettari, guarda ad ovest e si concentra sul Primitivo.

Nel 2020, sono state rilasciate sul mercato quasi 29 milioni di bottiglie di Primitivo di Manduria, secondo l’ente di categoria Federvini, un aumento del 26% rispetto all’anno precedente. Con il suo nome facile e il suo stile accessibile, il Primitivo è attualmente il jolly della Puglia, e certamente una vendita più facile rispetto al Negroamaro, secondo il produttore Mark Shannon, che si è trasferito qui dalla California via Sicilia con la sua compagna, Elvezia Sbalchiero, 27 anni fa. Preferisce la libertà del Puglia IGT per il suo A Mano Primitivo, che è stato importato da Liberty Wines nel Regno Unito dalla sua seconda vendemmia.

Il Primitivo potrebbe sembrare primitivo, ma prende il nome dalla parola italiana ‘primaticcio’ – ovvero precoce, come nella maturazione. Sapere quando raccogliere è cruciale, ma non così difficile, sostiene Shannon.

“Per qualcuno come me che vive nella vigna, devi solo guardare l’uva e parlarci. Ti diranno quando sono mature”, dice. “E mi piace la fermentazione a freddo. Mi piace preservare tutto quel sapore in vigna.” AMano viene fermentato a gelidi 15°C.

Alla cooperativa Produttori di Manduria, il direttore commerciale Giovanni Dimitri dice: “Non superiamo mai i 20°C, che è tanto importante per preservare freschezza e acidità.”

Senza controllo della temperatura, ritiene che la fermentazione potrebbe tranquillamente raggiungere i 30°C o più. Il suo Primitivo viene raccolto a metà o fine agosto: “Iniziamo alle 4.30 del mattino, e entro le 11.30 abbiamo lasciato le vigne perché fa troppo caldo”.

Produttori di Manduria è la più vecchia cooperativa della Puglia, con 700 ettari coltivati dai suoi 300 membri e circa 1 milione di bottiglie di Primitivo di Manduria DOC prodotte ogni anno. Dimitri dice: “Il Primitivo è diventato uno dei vitigni più interessanti, dal punto di vista commerciale, dall’Italia negli ultimi anni.”

Ritiene che lo stile facile da bere del Primitivo, con abbondante frutta e tannini leggeri, lo renda molto più accessibile rispetto a vitigni come Nebbiolo o Sangiovese.

“A mio parere, il Primitivo è una varietà molto flessibile in base all’età delle viti, ai tempi di raccolta e all’agricoltura”, aggiunge. “Quindi, con diverse tecniche di vinificazione, è possibile elevarlo a un livello medio-alto con l’invecchiamento in botti, anche se il Primitivo non è proprio un grande amico del legno, onestamente parlando.”

La calura accecante di metà estate è temperata dalla brezza marina, con la penisola larga solo 40 miglia da costa a costa. Naturalmente, il cambiamento climatico è un argomento caldo. “Come tutti, stiamo cercando di capire cosa ci riserva il futuro, e nessuno sa se siamo in mezzo a una grande ondata”, dice Dimitri.

I livelli alcolici tendono ad essere elevati, ed è un argomento che “divide davvero le persone”, dice Sarah Knowles MW, acquirente italiano per il rivenditore The Wine Society, che elenca il Primitivo di Dimitri.

“C’è sicuramente un gruppo dei nostri membri che preferirebbero livelli sotto il 12,5% o il 13%, ma c’è anche un gruppo piuttosto grande di persone che non se ne preoccupano tanto come forse pensiamo.” Fa anche notare: “Tutti i Barolo del 2019/20 erano praticamente al 14% -14,5%, così come la maggior parte dei Bordeaux che vengono rilasciati in anteprima al momento.”

Knowles dice: “Una volta, il Primitivo era molto il cavallo da lavoro, offrendo ottimo valore sotto i £10, ma penso che questo spazio sia ora ben coperto da altre uve, come il Nero d’Avola.” Mentre la qualità varia, secondo lei, gli esempi ben realizzati possono sicuramente essere venduti a prezzi più alti. Un esempio è il Primitivo della co-operativa di Dimitri per il 150 ° anniversario della Società del Vino che è andato esaurito, al prezzo di £10.50.

“Penso che una volta che le persone trovano familiarità con il Primitivo, sono felici di concedersi un vino più superiore, che sia un Manduria DOC o un passito”, dice Elena Ciurletti, proprietaria di Orion Wines, con sede a Trento.

Per dimostrare il punto, le vendite del Primitivo di Manduria DOC della Masseria del Borgo di Orion a £12,50 al supermercato Sainsbury’s nel Regno Unito sono aumentate del 47% rispetto all’anno scorso, mentre il suo Primitivo organico Terre di Faiano (£10,99) è riferito essere uno dei vini rossi italiani più venduti in Waitrose.

Per il canale on-trade e i rivenditori indipendenti, Orion produce il Lucale Primitivo Appassimento presso la sua tenuta Masseria Borgo dei Trulli, dove ha 32 ettari di vigne di Primitivo. Incoraggiata dal successo di Lucale, ha appena aggiunto altri due vini passito – Saracena e Mirea.

La mania per l’essiccazione delle uve si è diffusa ben oltre il Veneto e la Valpolicella, ma il Primitivo sembra un candidato improbabile, essendo già piuttosto corposo e sontuoso. Ciurletti accetta il punto, ma dice: “Penso comunque che le persone siano davvero aperte a quel tipo di vino, e i consumatori non ne hanno mai abbastanza”.

Con più di 30 anni di fare Primitivo, l’imprenditore vinicolo Stefano Girelli di Casa Girelli è un grande fan.

“È una delle più grandi varietà di uva che abbiamo in Italia,” dice. “Il Primitivo ha sicuramente una storia incredibile, un patrimonio e, dal punto di vista vinicolo, è estremamente flessibile. Se viene allenato correttamente, raccolto al momento giusto e vinificato nel modo giusto, si può passare da un rosato a un rosso intenso, in grado di invecchiare.”

Giovanni Dimitri dice: “In Puglia, la natura è molto generosa,” e Girelli concorda, dicendo che anche le viti ad alberello a cespuglio che predilige possono facilmente produrre 60hl/ha – 70 hl/ha. Per temperare l’esuberanza naturale del Primitivo, gli piace mantenere la macerazione relativamente breve, e dice che puoi scegliere se mantenere i vinaccioli, a seconda dell’annata e se “sono un po’ verdi, o tostati da uve ben mature”.

“Credo che ci sia molto da fare in enologia intorno alla gestione delle bucce, dei tannini e dei livelli di zucchero del Primitivo”, dice Knowles della Wine Society, “e, in vigna, cercando di ombreggiare un po’ di più i grappoli.”

L’effetto cumulativo aggiunge freschezza a questi vini spesso piuttosto voluttuosi. Alla cantina Tinazzi, dove il vino di punta è Imperio LXXIV Primitivo di Manduria DOC, il enologo Antonio Testa dice: “Possiamo limitare l’ultima potatura per evitare scottature dal sole e disidratazione, e la potatura invernale aiuta a gestire il carico di uva per pianta che, a sua volta, influisce sul livello di zucchero.”

Alla Masseria Altemura, acquisita da Zonin1821 nel 2000, il direttore e agronomo Antonio Cavallo spiega: “A metà agosto otteniamo delle bacche secche, quindi cerchiamo di mantenere il lato occidentale delle nostre vigne protetto, e siamo attenti in cantina a non essere troppo aggressivi sulle bucce.”

La metà della tenuta costituiscono 155 ettari sono dedicati al Primitivo per produrre Sasseo, una Salento IGT, e il loro vino di punta di vigna unica Altemura, un Primitivo di Manduria DOC con solo 20.000–25.000 bottiglie rilasciate ogni anno.

Come gli altri, Cavallo si preoccupa della qualità e della consistenza medie del Primitivo, e dice: “Al momento si sta discutendo nella consorzio di stringere le regole.” Ma, con una vasta variazione di terroir e diverse priorità per i grandi produttori come Zonin1821 rispetto a player molto più piccoli, trovare un terreno comune per quanto riguarda i livelli di qualità e i prezzi non sarà facile.

Detto questo, c’è una nuova generazione di enologi emergenti, e questo dà a Giovanni Dimitri una vera fiducia nel futuro.

“Ogni giorno provo un nuovo vino di questi nuovi ragazzi e sono così felice quando ne trovo uno di buono”, dice. “Abbiamo iniziato a fare in Puglia ciò che hanno iniziato a fare in Toscana negli anni ’60 e ’70, e oggi stiamo iniziando a raccogliere i frutti di questo cambio di mentalità.”

Vito Palumbo è d’accordo. “In generale, sono ottimista sulla Puglia e sul Primitivo,” dice. “Molta della giovane generazione sta tornando qui per investire nel turismo e nel vino, e sto vedendo molte piccole cantine gestite da giovani.”