Heineken distribuirà le birre di Molson Coors in Irlanda

Heineken ha accettato di distribuire le birre di Molson Coors in Irlanda La controllata di Heineken in Irlanda ha accettato di distribuire i prodotti di Molson Coors in seguito all’accordo su Coors Light nel paese. Questo movimento arriva mentre l’attività dei colossi della produzione di birra nel Regno Unito e in Irlanda si sta intensificando, […]

Jul 10, 2024 - 07:00
 3
Heineken distribuirà le birre di Molson Coors in Irlanda

Heineken ha accettato di distribuire le birre di Molson Coors in Irlanda

La controllata di Heineken in Irlanda ha accettato di distribuire i prodotti di Molson Coors in seguito all’accordo su Coors Light nel paese.

Questo movimento arriva mentre l’attività dei colossi della produzione di birra nel Regno Unito e in Irlanda si sta intensificando, in seguito all’acquisizione da parte di Carlsberg di Britvic per 3,3 miliardi di sterline.

Ora, il colosso olandese sta pianificando di rafforzare la propria posizione, con un’estensione della partnership con Molson Coors che ha già visto l’assunzione di Coors Light in Irlanda. Tuttavia, l’accordo dovrà essere approvato dalla Competition and Consumer Protection Commission del paese.

Secondo il Sunday Independent, Heineken Irlanda sarà ora il distributore autorizzato per i marchi di Molson Coors, tra cui Madri, Carling, Miller, Staropramen, Cobra e Blue Moon, tra gli altri.

Un portavoce ha dichiarato alla pubblicazione che stanno interagendo con le autorità regolatorie e che è “business as usual” finché questo non sarà completato e l’accordo sarà confermato da entrambe le parti.

Acquisizioni

Questo segue una serie di grandi accordi che si stanno verificando nel Regno Unito e in Irlanda. Oltre all’accordo Carlsberg e Britvic, c’è una crescente speculazione su altri grandi player, tra cui C&C Group.

Come riportato su the drinks business il mese scorso, Engine Capital, che possiede poco meno del 5% di C&C Group, ha inviato una lettera al consiglio definendo l’azienda come “un sottoperformer cronico” e chiedendo la sua vendita.

Una lettera al consiglio di C&C, inviata dalla società di investimento con sede a New York, Engine Capital, ha criticato il gruppo per il sottoperformare a causa di “problematiche strutturali e autoinflitte”.

La lettera chiedeva una revisione delle alternative strategiche mirata a una vendita a causa di problemi che rendono l’azienda inadatta ai mercati pubblici, ha sostenuto la società, che si descrive come “un azionista significativo a lungo termine di C&C Group”. C&C produce marchi tra cui la birra Tennent’s e i sidri Magners e Bulmers, ed è basata a Dublino.

La lettera di Engine Capital recita: “Abbiamo investito in C&C più di quattro anni fa a causa dell’alto valore del portafoglio di marchi dell’azienda, della posizione di distribuzione di punta nei mercati delle bevande nel Regno Unito e in Irlanda, del forte flusso di cassa e delle ampie opportunità per il consiglio di aumentare significativamente il valore per gli azionisti. Nonostante questi attributi favorevoli, C&C è stato un sottoperformatore cronico e oggi è profondamente frainteso e sottovalutato dal mercato a causa di una combinazione di problemi strutturali e autoinflitti.”

Diageo

Inoltre, sono state sollevate domande simili dagli investitori su Diageo, con un broker che consiglia ai clienti che Diageo potrebbe essere un buon titolo da acquistare perché sembra essere sottovalutato.

Ci sono voci ricorrenti che Diageo potrebbe vendere la Guinness, ma la dirigenza ha sempre respinto questa idea. Lo scorso anno, Axios ha riferito che la società stava cercando di disfarsi dei suoi marchi di birra, tra cui Smithwick’s, Kilkenny, Harp Lager in Irlanda e anche la Tusker Lager di East African Breweries, anche se l’azienda ha respinto le affermazioni.

La Guinness è uno dei suoi best seller nel portafoglio di birre a livello globale e continua a vedere una crescita anno dopo anno, soprattutto nel Regno Unito, dove è cresciuta del 7% rispetto al 2022. Di recente ha anche siglato un grande accordo per sponsorizzare la English Premier League.

Il gigante delle bevande ha realizzato 3,36 miliardi di sterline nell’anno fino al 30 giugno 2023 dalle vendite di birra, che corrisponde a circa il 14% delle vendite totali dell’azienda. Il ramo delle bevande alcoliche ha generato più dell’81% di tutte le vendite nello stesso periodo.

Infatti, il gruppo sta costruendo un’enorme nuova birreria in Irlanda e ha costantemente indicato benefici di vendite simbiotiche tra la stout e il suo portafoglio di superalcolici premium.