Mezzacorona coinvolge gli agricoltori nel suo programma di sostenibilità

Mezzacorona si pone al centro degli sforzi dei coltivatori nel suo programma di sostenibilità L’azione collettiva, il progresso costante e la responsabilità sociale hanno costantemente sostenuto le iniziative di sostenibilità di Mezzacorona per decenni. “Accogliente” è la prima categoria nel manifesto di sostenibilità di Mezzacorona. Ha una definizione molto letterale: la cantina e sede del […]

Jul 10, 2024 - 05:30
 2
Mezzacorona coinvolge gli agricoltori nel suo programma di sostenibilità

Mezzacorona si pone al centro degli sforzi dei coltivatori nel suo programma di sostenibilità

L’azione collettiva, il progresso costante e la responsabilità sociale hanno costantemente sostenuto le iniziative di sostenibilità di Mezzacorona per decenni.

“Accogliente” è la prima categoria nel manifesto di sostenibilità di Mezzacorona. Ha una definizione molto letterale: la cantina e sede del gruppo, chiamata Cittadella del Vino, è progettata come uno spazio per accogliere visitatori e stakeholder. Eppure è anche un punto di partenza adeguato per una strategia di sostenibilità di Mezzacorona che accoglie e coinvolge tutti, dagli agricoltori ai beventi finali.

Dalla sua fondazione nel 1904 come associazione di agricoltori locali, i numeri di Mezzacorona sono cresciuti fino a circa 1600 oggi. I suoi progetti devono quindi accogliere e includere gli stakeholder. Un approccio dall’alto verso il basso e intransigente non funzionerà quando, essendo una cooperativa, Mezzacorona è di proprietà dei suoi membri.

Il progetto di sostenibilità è quindi sempre stato definito dall’empowerment degli agricoltori. Fin dai suoi esordi, il lavoro di Mezzacorona verso l’agricoltura vitivinicola sostenibile era radicato nel combinare gli sforzi con i suoi membri.

Ad esempio, quando la sostenibilità è emersa come argomento caldo, Mezzacorona ha distribuito il libro ‘Natura e Agricoltura’ a tutti i suoi membri nel 1989. Questo documento promuoveva metodi naturali e sostenibili di controllo dei parassiti. Allo stesso modo, nel 2000, ha distribuito “Natura e Agricoltura, produzione integrata attraverso la conoscenza delle principali malattie fungine di mela e vite” che ha aggiornato gli agricoltori sui metodi più recenti di gestione dei parassiti.

Gli agricoltori della cooperativa si sono impegnati ripetutamente per alti standard. Nel 1990, il Comitato Vitivinicolo Trentino (equivalente all’attuale Consorzio del Trentino) ha istituito protocolli autogovernati, tra cui sulla viticoltura integrata, a cui molti agricoltori hanno aderito. Questo è stato integrato nel 2009 da un protocollo per proteggere sia il territorio che i lavoratori dai pesticidi.

Questi avanzamenti specifici si collegano a una narrazione continua di passi incrementali. Ciò significa che Mezzacorona e i suoi coltivatori stanno ora impiegando una vasta gamma di pratiche sostenibili. Questo include l’irrigazione a goccia, concimi organici, mantenimento di siepi per la biodiversità e l’uso della confusione sessuale per scoraggiare i parassiti.

Inoltre, la conoscenza viticola trasmessa attraverso le generazioni è una propria garanzia sostenibile. Le tradizioni locali proteggono le viti e riducono la necessità di interventi. Ad esempio, la formazione della pergola trentina può proteggere l’uva contro ondate di calore intense, mentre la vendemmia a mano riduce al minimo la compattazione del suolo da parte dei trattori.

Come dichiarazione forte di impegno, tutti i coltivatori di Mezzacorona sono stati certificati secondo lo schema del Sistema di Qualità Nazionale per la Produzione Integrata (SQNPI) dal 2016. La certificazione nazionale conferma elevati standard di produzione sostenibile nel vigneto.

Sostenibilità in cantina e oltre

Conseguentemente, la Cittadella del Vino prosegue il viaggio sostenibile delle uve mentre vengono trasformate in vino. Infatti, la produzione vinicola di Mezzacorona ha ottenuto la certificazione SQNPI nel 2017.

La struttura suggestiva è al 75% sotterranea, il che significa che la cantina raggiunge naturalmente la temperatura e l’umidità corrette affinché i vini si sviluppino. Inoltre, utilizza pannelli fotovoltaici sul tetto per fornire energia pulita. L’edificio stesso minimizza quindi l’impatto di Mezzacorona sul territorio.

Anche una volta scelte le bottiglie dallo scaffale, Mezzacorona si impegna per una visione sostenibile dell’industria vinicola. È membro di Wine in Moderation, un organismo europeo impegnato in una cultura sostenibile del consumo di vino.

La sua adesione significa che Mezzacorona promuove scelte informate riguardo al bere. Questo comporta fare scelte appropriate riguardo alla salute e alla sicurezza; bere in un ambiente sociale e sano; e, soprattutto, trovare gioia nei caratteri unici dei vini.

Quella consumazione finale sembra altrettanto importante dei primi germogli sulla vite. Posizionare la sostenibilità come un concetto onnicomprensivo, dalla piantumazione all’apertura del vino, significa veramente che Mezzacorona accoglie tutti nei suoi piani di sostenibilità. Con decenni passati a lavorare con i suoi coltivatori, gli stakeholder e i clienti, la cantina ha dimostrato con forza che l’azione collettiva può spostare l’ago della sostenibilità.