Vinexpo America 2024 porta il mondo del vino e degli spiriti a New York City

Vinexpo America 2024 porta il mondo del vino e degli alcolici a New York I produttori e i partecipanti si stanno preparando per Vinexpo America 2024, che promette di mostrare sia regioni ben note che gemme ancora da scoprire. Vinexposium torna sulla East Coast degli Stati Uniti, con Vinexpo America 2024 che si terrà al […]

Jun 11, 2024 - 20:00
 0
Vinexpo America 2024 porta il mondo del vino e degli spiriti a New York City

Vinexpo America 2024 porta il mondo del vino e degli alcolici a New York

I produttori e i partecipanti si stanno preparando per Vinexpo America 2024, che promette di mostrare sia regioni ben note che gemme ancora da scoprire.

Vinexposium torna sulla East Coast degli Stati Uniti, con Vinexpo America 2024 che si terrà al Jacob K. Javits Convention Center, a New York, il 24 e 25 giugno. Ora alla sesta edizione, la fiera americana prosegue la missione globale di Vinexposium di connettere l’industria delle bevande del mondo. Seguono gli eventi a Parigi e Hong Kong di quest’anno, con fiere a Mumbai e Amsterdam già programmate per il 2024.

Riconoscendo l’importanza degli Stati Uniti nel commercio globale, Vinexpo America promette di connettere i produttori con i compratori, i distributori e i decisori di mercato. Gli Stati Uniti rappresentano il mercato più grande al mondo per le bevande alcoliche, con un valore di 304.4 miliardi di dollari.

Anche se è un paese produttore di vino, offre comunque ampie opportunità per altre nazioni. Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, le importazioni di vino nel paese nel 2021 valevano 7.5 miliardi di dollari. Questo è approssimativamente equivalente, secondo le statistiche dell’Organizzazione Internazionale della Vite e del Vino per il 2021, alle esportazioni cumulative di vino di Spagna, Australia, Sud Africa e Cile.

La fiera quindi comprende l’intero mondo della produzione del vino. Saranno presenti successi locali degli Stati Uniti e una vasta gamma di produttori provenienti dalle potenze europee, Francia, Italia e Spagna, e dal Sud America.

Un produttore in particolare, Georges Vigouroux, arriverà da Cahors, in Francia. Secondo Tim Banks, direttore marketing della cantina, la fiera è particolarmente utile per i marchi che cercano di entrare nel mercato: “Vinexpo America attira gli importatori regionali e i distributori che forniscono alle piccole cantine un percorso più diretto verso il mercato. Questi rapporti diretti creano opportunità e affari a lungo termine per le piccole cantine che vogliono costruire una presenza passo dopo passo”.

Oltre ai grandi attori europei, la fiera garantisce anche una rappresentanza delle regioni emergenti e delle categorie meno conosciute. Produttori in Georgia, Slovenia e Repubblica Ceca presenteranno i loro vini, e i produttori di vino armeni appariranno per la prima volta.

Anche il programma di masterclass riflette sia le regioni ben note che le scoperte. Ci saranno sessioni su famose regioni francesi come Bordeaux e la Valle del Rodano, ma anche masterclass dedicate alle bevande giapponesi e alle gemme ancora da scoprire in Europa.

Il programma non si limita ai vini. La fiera accoglie anche marchi di distillati provenienti da tutto il mondo. I produttori presenteranno whisky, rum e gin, così come categorie più di nicchia come lo shochu, il distillato di frutta e i liquori speciali. Riflettendo i gusti in continua evoluzione dei consumatori e la necessità per i rivenditori di offrire un’offerta completa, la fiera presenterà anche birre, sidri e prodotti a basso o nullo contenuto alcolico.

Per dare ancora più valore ai visitatori, Vinexpo America sta anche collaborando in modo intelligente. Quest’anno, la fiera si terrà insieme alla Summer Fancy Food Show, organizzata dalla Specialty Food Association.

Fiera a New York dagli anni ’50, il salone presenta una vasta varietà di cibi per il mercato americano. Collocandosi nella stessa sede, le due fiere possono sinergizzare le loro offerte per i visitatori che lavorano sia nel settore delle bevande sia in quello alimentare.

“Vinexpo America 2024 rappresenta un traguardo fondamentale nella nostra strategia di connettere globalmente la comunità del vino e degli alcolici”, ha commentato il CEO di Vinexposium, Rodolphe Lameyse. “Puntiamo a creare una piattaforma dinamica per i nostri espositori e visitatori che non solo favorisca le opportunità di business, ma contribuisca anche alla crescita continua e all’evoluzione dell’industria”.